Impianti Geotermici

Home  /  IMPIANTI GEOTERMICI

“Il calore della Terra per un teleriscaldamento costante e sostenibile”

Geovaldi Engineering nel pieno rispetto della normativa nazionale ed internazionale progetta i più complessi impianti geotermici per uso civile e industriale avvalendosi delle sue elevate competenze nel settore acquisite grazie ad uno studio approfondito di tutte le discipline che concorrono alla  realizzazione di tali opere, offrendo la garanzia di un lavoro di alti livelli prestazionali e con i più alti standard di sicurezza.

E’ forse il settore della geotermia quello dove maggiormente si evidenzia la necessità di un forte lavoro di squadra, dove più professionisti, dall’Ingegnere energetico a quello edile, civile e idraulico, sono coinvolti nella realizzazione di impianti per la produzione di energia elettrica, per il teleriscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria. In Geovaldi Engineering gli Ingegneri progettisti hanno acquisito le più elevate conoscenze in materia di gestione e utilizzo di energia geotermica alle varie entalpie e realizzano in piena sicurezza e nel rispetto della normativa vigente sistemi di impianti complessi che impiegano il calore geotermico proveniente dalla Terra per usi civili e industriali.

Progettiamo i seguenti impianti geotermici per uso civile e industriale:

  • Impianti a sonde verticali a bassa entalpia
  • Impiantia sonde orizzontali a bassa entalpia
  • Impianti con utilizzo di acqua di falda a circuito chiuso
  • Impianti geotermici industriali
  • Pianificazione e sviluppo della coltivazione del campo geotermico
  • Consulenza su perforazione profonde ed estrazione di fluido geotermico.                                                                                           

Impianti Geotermici

Gli impianti geotermici per usi civili potendo garantire un approvvigionamento di calore pressoché costante alla temperatura di circa 10-14°C ad una profondità variabile tra i 60-100m, permettono di raggiungere obiettivi di climatizzazione e di comfort abitativo soddisfacenti in tutte le stagioni contestualmente alla produzione di acqua calda per usi sanitari.  La geotermia, tuttavia, a differenza del solare, del fotovoltaico e dell’eolico, pone certamente delle difficoltà maggiori per noi Ingegneri progettisti a livello di fruibilità diretta della risorsa poiché lo sfruttamento del calore del sottosuolo avviene a mezzo di sistemi invasivi (perforazioni fino a 150m per la bassa entalpia) e ciò comporta un’attenzione importante per quanto riguarda le caratteristiche geologiche del territorio.

Le zone interessate dagli interventi geotermici debbono rientrare rigorosamente entro parametri di sicurezza dal punto di vista dell’esposizione alla sismicità. La presenza eventuale di bacini idrogeologici, deve essere tutelata da qualsivoglia intervento e dunque la valutazione geologica dei siti di interesse richiede uno studio approfondito onde verificare l’idoneità dei medesimi allo sfruttamento geotermico e che si tratti di terreno (coerente, incoerente, saturo o non saturo) e che si tratti di acquiferi (falde acquifere). La normativa in tal senso è scrupolosa e concede raramente, almeno qui in Italia, permessi per lo sfruttamento diretto di acqua di falda di competenza peraltro di ogni singola provincia.

Superare questi limiti tecnici e normativi attraverso la proposta di progetti sicuri ed efficienti a tutela del territorio è in Geovaldi Engineering un obiettivo fondamentale con il vivo proposito di far aumentare attivamente la richiesta di impianti geotermici come fonte di approvvigionamento di energia alternativa e rinnovabile sicura ed indipendente. Compito di noi Progettisti geotermici è quello di assicurare che l’intero impianto funzioni con razionalità e semplicità e che garantisca il massimo rendimento prestazionale in un arco di anni molto lungo (anche più di vent’anni), ma soprattutto che il medesimo non impatti con l’ambiente offrendo i più alti standard di sicurezza.

La nostra elevata competenza nella realizzazione di  impianti geotermici sicuri ed efficienti si basa sulla capacità di saper mettere in relazione ed equilibrare tutti i fattori necessari affinchè questi possano funzionare correttamente per la realtà edilizia o industriale per la quale sono stati progettati. Se un’accurata indagine geologica assicura la possibilità di fruire in modo sicuro e costante del calore geotermico, la realizzazione di un impianto geotermico adeguato all’utilizzazione di quel calore si concretizza dimensionandolo per le effettive esigenze termiche della struttura per la quale è stato richiesto. Non è, infatti, possibile progettare un impianto geotermico in grado di funzionare correttamente senza aver prima accuratamente dimensionato le potenzialità termiche di un edificio ed il suo fabbisogno di calore per il teleriscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria. L’impianto geotermico, infatti, deve assolutamente essere adeguato alla richiesta energetica dell’edificio o della realtà industriale per il quale è destinato e non deve mai essere sovradimensionato o sottodimensionato al fine di evitare che gli apparati elettronici preposti per il suo funzionamento e quelli ad esso integrati (ad esempio la pompa geotermica) finiscano per consumare troppa energia vanificando la bontà dell’investimento iniziale e soprattutto la possibilità di risparmiare energia diminuendo l’immissione di CO2 in atmosfera.

E’ in questo settore, infatti, che l’ingegnere energetico, edile e civile lavorano in sinergia per analizzare i tanti fattori che concorrono alla progettazione di opere di geotermia e la cui perfetta interpretazione costituisce la riuscita di tali opere ingegneristiche. Compito dell’ingegnere edile e civile è quello di progettare involucri edilizi dalle buone capacità coibentanti che ben si prestino a ricevere impianti geotermici e di progettare interventi di isolamento termico nel caso di involucri edilizi già esistenti dall’elevate capacità disperdenti in termini energetici e di progettare interventi di perforazione e di impianti idraulici adeguati e ben dimensionati.

All’ingegnere energetico è affidato il compito di mettere in relazione le potenzialità delle risorse energetiche disponibili, la loro effettiva disponibilità e fruibilità,  la capacità degli impianti di fruirne correttamente con le effettive richieste energetiche dell’involucro edilizio, elaborando un bilancio energetico a cui subordinare ogni fase della progettazione. Sempre all’ingegnere energetico è preposto il compito, a fronte dei risultati ottenuti, di promuovere ove necessario l’integrazione di altri impianti di utilizzazione di energia alternativa e rinnovabile (solare-fotovoltaico-eolico) a supporto ed integrazione di quella geotermica.

Azienda

Nome

Città

Telefono

Sito Web

La tua email

Oggetto

Il tuo messaggio

Autorizzazione al trattamento dei dati ai sensi dell’art. 13 del d.lgs. 196/2003 e successive modificazioni e integrazioni